A lezione di buone pratiche: l’impegno delle scuole abbiatensi per la riduzione dei rifiuti

In occasione della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, nelle scuole abbiatensi prosegue l’attività educativa sul tema cruciale dei rifiuti.
Le scuole elementari di via Serafino dell’Uomo, via Colombo e via Di Dio e le scuole medie di via Palestro e via Vivaldi, che già avevano preso parte attiva all’evento Puliamo il Mondo di settembre, con il coordinamento dell’Ufficio Ecologia comunale hanno incontrato in questi giorni Amaga/Navigli Ambiente e le associazioni impegnate sul fronte ambientalista, Legambiente e Comitato Salvaguardia del Ticino.
Nelle classi si è tornato a parlare del tema rifiuti con Giovanni Piolitini, di Amaga S.p.A., che commentando il risultati del gioco “Questo lo butto qui!” ha incentrato il suo intervento in particolare sugli argomenti meno conosciuti (Rifiuti Indifferenziati Resto, Ecocentro, Contenitori sul Territorio) per poi affrontare la questione cruciale dell’eccesso della produzione dei rifiuti. Negli ultimi trent’anni si stima che in Italia la produzione dei rifiuti urbani sia addirittura raddoppiata, portando ad una produzione pro-capite annua pari a 522 Kg, 10kg alla settimana!!! E Abbiategrasso come si posiziona? In Abbiategrasso si stima una produzione di rifiuti urbani pari a 481 Kg (dati Navigli Ambiente), poco meno dell’8% rispetto alla media nazionale: comunque troppi perché in un anno complessivamente accumuliamo complessivamente 14.000 tonnellate di rifiuti, tanto quanto un palazzo alto 150 metri. Un lascito che le nuove generazioni non si meritano e il cambiamento può iniziare proprio da loro e dalle loro famiglie.
Con i ragazzi si è discusso di tutto questo e delle azioni che quotidianamente possiamo scegliere da un lato per migliorare la raccolta differenziata e dall’altro per ridurre all’origine i rifiuti prodotti.
Abbiategrasso ha compiuto un balzo significativo sulla raccolta differenziata che è passata dal 22% del 2009 al 52% del 2010 (anno di avvio del cosiddetto “porta-a-porta”), e che si avvia a superare ampiamente il 60% nell’anno 2011.
L’obiettivo però deve essere quello di creare meno rifiuti: il miglior rifiuto è quello che non è mai stato prodotto. I ragazzi si sono confrontati sulle buone pratiche che portano alla riduzione dei rifiuti urbani: scegliendo prodotti con pochi o nulli imballaggi, preferendo l’acqua del rubinetto a quella in bottiglia (solo in Abbiategrasso vengono prodotte annualmente circa 3.800.000 bottiglie in plastica!), prolungando la vita degli oggetti (abbiamo proprio sempre bisogno del cellulare di ultima generazione?), e così via.
Come sempre i ragazzi hanno risposto con entusiasmo e apertura alla proposta di volontari ed esperti, partecipando attivamente, confrontandosi sui comportamenti adottati in famiglia, ponendo domande e richiedendo approfondimenti.
Nella scuola media di via Vivaldi, la mattinata ha toccato anche il tema del volontariato in campo ambientale, nell’ambito dell’iniziativa “Fare per gli altri”, con la presentazione del Circolo locale di Legambiente da parte di Luca Ziviani e del Comitato Salvaguardia del Ticino, attraverso le parole e le immagini di Nicholas Chignoli che ha letteralmente incantato i giovani studenti con un stupendo video dedicato al Fiume Ticino.
L’impegno prosegue nella didattica quotidiana: gli insegnanti che hanno collaborato con entusiasmo e convinzione alle iniziative promosse per la Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti, lavorano ogni giorno in ogni settimane dell’anno per formare cittadini responsabili e consapevoli.
A loro e ai ragazzi và il nostro grazie!
Il Circolo di Legambiente e il Comitato Salvaguardia Ticino – Gruppo Pesca
Guarda le immagini delle lezioni

Share

Potrebbero interessarti anche...