Custodia del Territorio: Comune di Abbiategrasso aderisce ma non sceglie con i cittadini le aree sotto custodia

Progetto Custodia del Territorio – Giornata Nazionale dell’Alber​o 21 novembre 2014. Risposta alla richiesta di adesione da parte del Comune di Abbiategrasso

Abbiategrasso, 15 ottobre 2014

Alla c.a di Daniela Colla
Assessore alle Politiche Ambientali Energetiche e d’Igiene Ambientale

e per conoscenza a:

Giovanni Brusati,
Assessore a Programmazione e sviluppo del territorio, Grandi infrastrutture, Opere Pubbliche e Patrimonio e Demanio

e

Christian Cattoni
Presidente Consulta Ecologica di Abbiategrasso

In riferimento alla Sua nota del 9.10.14, prot. n. 39203, in cui si richiede l’adesione di questa associazione al progetto del Comune che individua tre aree da sottoporre a Custodia del Territorio, premettiamo quanto segue:

– prendiamo atto della decisione della Giunta Comunale di aderire al Progetto “Custodia del Territorio – Giornata Nazionale dell’albero 21 novembre 2014”, promossa da Legambiente nazionale e regionale, e l’accogliamo favorevolmente in quanto la “Custodia del Territorio” rappresenta un’attività volta a “coniugare la cura del territorio con la partecipazione dei cittadini avviando azioni di impegno diretto da parte delle comunità locali per fermare l’occupazione di nuove aree verdi e l’uso indiscriminato del suolo” (http://lombardia.legambiente.it/temi/territorio/custodia-del-territorio);

– siamo pertanto fiduciosi che tale adesione da parte del Comune rappresenti una sicura occasione per attuare in ogni sua politica i principi di tale Progetto;

– per quanto tale attività non abbia risvolti vincolanti a livello giuridico, crediamo tuttavia che rappresenti un messaggio che l’Amministrazione intende inviare alla comunità non solo in termini di cura del territorio ma anche nell’ottica della revisione del PGT secondo l’approccio del “consumo di suolo zero”.

Ciò premesso, ci preme precisare che non siamo stati coinvolti formalmente nel processo di definizione del progetto né abbiamo concorso alla scelta delle aree. Inoltre non abbiamo avuto la Sua disponibilità per un confronto di tipo programmatico e tecnico al fine di condividere nei dettagli le modalità di attuazione dell’iniziativa e il grado di coinvolgimento di questa associazione.

Ciò nonostante, in base alle informazioni in nostro possesso, cogliamo l’occasione per esporre le nostre considerazioni di seguito enunciate:

1) In merito alle aree da sottoporre alla Custodia del territorio:

– l’Area Verde – via Vismara – mq.11234, è un’area in cessione e pertanto si ravvede l’opportunità di una messa custodia e di una successiva piantumazione che effettivamente potrebbe, ancorchè non impedire dal punto di vista giuridico, almeno scoraggiare in futuro eventuali opere di edificazione;

– l’Area Verde – Via Dante fronte BCS – mq.8825, è contigua alla rotonda sulla via Dante per la quale il PGTU vigente  prevede una modifica per snellire il traffico (aspetto perorato dal Circolo Terre di Parchi e da tutti coloro che si sono espressi contro il progetto di superstrada).  Non essendo ancora stato realizzato il progetto esecutivo della nuova rotatoria, vorremmo evitare che la “Custodia del territorio” e l’eventuale piantumazione diventino ostative a qualsiasi opera di riqualificazione. Pertanto il Circolo Terre di Parchi esprime il proprio veto sulla scelta di quest’area;

– l’Area Verde – Strada Per Caselle – mq.8216 –  non ci è chiara l’area indicata dal mappale e le motivazioni della scelta.

2) In merito al processo di partecipazione dei cittadini:

riteniamo che la progettualità in oggetto debba essere sostenuta da un effettivo processo di partecipazione dei cittadini, in particolare degli abitanti delle zone che si intendono coinvolgere sia per la Custodia, sia per la eventuale piantumazione dell’area scelta, ma anche della Consulta ecologica.

3)  In merito alla eventuale piantumazione degli alberi:

– chiediamo che venga progettata con perizia da addetti del settore tenendo conto almeno di questi criteri: visuali consolidate, eventuali elementi di degrado da mascherare, sesti di impianto consoni al luogo e all’essenza da piantumare (filari o piccoli gruppi di alberi, boschetti), tecniche di manutenzione a basso costo, garanzia di irrigazione ecc.

– trattandosi di una modifica del paesaggio si confida che ciascun progetto passerà dalla commissione paesaggistica, come deve avvenire per tutte le modifiche dello stato dei luoghi;

– chiediamo altresì che venga garantito  l’impegno ad accudire gli alberi almeno nei primi 3 anni.

Fatte queste premesse, in merito alla specifica richiesta di condivisione del progetto da Lei avanzata, il Circolo ritiene di poter fornire un’adesione vincolata alle seguenti condizioni:

– sostituzione dell’area Verde di Via Dante fronte BCS – mq.8825, in quanto contigua alla rotonda sulla via Dante per la quale il PGTU vigente  prevede una modifica per snellire il traffico (aspetto perorato dal Circolo Terre di Parchi e da tutti quanti si sono espressi contro il progetto di superstrada) con un’altra area da condividere congiuntamente;

– di concerto con l’Assessore Programmazione e sviluppo del territorio, individuazione di ulteriori aree per le quali il progetto di custodia e la eventuale piantumazione potrebbero risultare effettivamente un deterrente rispetto a future opere di edificazione non sostenibile;

– condivisione dei tempi di attuazione di tale Progetto;

– coinvolgimento preventivo della Consulta ecologica e dei Comitati di quartiere per favorire un effettivo processo di partecipazione degli abitanti delle aree interessate.

Tali condizioni dovranno essere integralmente riportate nella Delibera di adesione e approvazione del Progetto.

Cogliamo infine l’occasione per richiedere di acquisire per tempo elementi in merito alla “Festa dell’albero” che dovrebbe essere effettuata qualora venissero acquisite le piante messe a disposizione da Legambiente Lombardia. Non sono state infatti ancora rese note le modalità organizzative, i tempi, gli eventuali costi e le responsabilità in capo a ciascun soggetto. Pertanto questa associazione si riserva di comunicare i termini della propria collaborazione.

In attesa di riscontro, rinnoviamo la nostra disponibilità a un incontro di chiarimento e confronto.

Share

Potrebbero interessarti anche...