Parco del Ticino: pericolo scampato (per ora)

L’assemblea consortile ha adottato il nuovo statuto del Parco imposto dalla legge regionale di riforma degli enti parco  e quindi il pericolo di un commissariamento si è allontanato. Ora la Regione dovrà approvare il nuovo statuto e vedremo come reagirà di fronte a un nuovo articolo – aggiunto all’ultimo momento – in cui il Parco impone alla Regione di coprire eventuali deficit di bilancio.

Ma ciò che temevamo, ovvero che qualcuno approfittasse di questo momento per indebolire il regime di protezione ambientale del parco, si è verificato: alcuni comuni della provincia di Pavia – in evidenza i sindaci dei Comuni di Groppello Cairoli e di Bereguardo – hanno cercato di facilitare i meccanismi di modifica dei confini del parco. Solo grazie all’opera di mediazione di altri comuni – tra cui Vanzaghello e Cardano al Campo – si è evitato lo stallo e lo slittamento della votazione dello statuto, fuori il tempo massimo previsto dalla legge.

Share

Potrebbero interessarti anche...