Una lezione di cittadinanza

 Sala consiliare affollata venerdì 1 aprile in occasione della presentazione del libro
Mafie in Italia e Lombardia: “Nomi, Cognomi e Infami”
La presenza dell’autore Giulio Cavalli ha animato la serata grazie alla forza delle sue parole, scagliate come macigni per abbattere il muro dell’indifferenza, della sottovalutazione e della rassegnazione, i peggiori nemici contro le organizzazioni criminali.
Sergio Cannavò di Legambiente ha spiegato il legame tra mafie e crimini ambientali mentre il moderatore della serata, il giornalista Fabio Fimiani, ha elencato i luoghi e le opere delle nostre zone che sono stati interessati da indagini per infiltrazioni mafiose (dalle opere per la TAV al ponte sul Ticino) o che si sospettano tali (espansione di Malpensa, superstrada Malpensa-Magenta-Cusago). Particolarmente incisivo il momento in cui Cavalli e Fimiani hanno letto alcune intercettazioni relative al caso della Masseria di Cisliano. Cavalli, come suo costume, ha fatto nomi e cognomi e perciò non ha risparmiato neanche il nostro territorio, citando i casi emblematici del direttore sanitario della Asl di Pavia – Carlo Antonio Chiriaco – in carcere con l’accusa di associazione mafiosa, e della nomina di Pietrogino Pezzano a direttore generale dell’Asl Milano 1, nome comparso nelle carte della maxi inchiesta “Infinito” della Procura di Milano contro la ‘ndrangheta e per il quale sono state chieste a gran voce le dimissioni, ignorate da Formigoni.
Aggiornamento del 13 aprile 2011: il direttore generale Asl Milano 1 Pietrogino Pezzano ha rassegnato le dimissioni a seguito della nuova richiesta di sfiducia approvata ieri in Consiglio regionale [ leggi la notizia sul Corriere della Sera ].
Giulio Cavalli vive sotto scorta da due anni.
Nato a Milano nel 1977, dal 2006 conduce una vita da narratore che racconta in teatro storie di mafia. Dal 2008 è oggetto di ripetute minacce e nel 2009 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano lo invita al Quirinale per esprimergli solidarietà e sostegno.
Nel 2010 riceve il premio Pippo Fava. Attualmente calca le scene con ‘Nomi, cognomi e infami’ i cui monologhi sono raccolti nell’omonimo libro edito dalle edizioni Ambiente.
Share

Potrebbero interessarti anche...